Santa Croce di Magliano, martedì 12 giugno 2018

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

opposizione << 1/15 giugno << 2018 << home

 

 

 

opposizione


Comunicato dell'Assessore Giordano
le reazioni
del gruppo di opposizione "Santa Croce nel Cuore"


 

Riprendiamo da Primonumero.it il gradito puntuale chiarimento dell'assessore Marilisa Giordano che stavolta in maniera molto chiara non si è fatto attendere.
Tutto quello che l'assessore scrive noi della minoranza lo avevamo capito da tempo. I malumori di questa abbarbicata maggioranza sono visibili a tutti così come i risultati fallimentari dell'attività amministrativa finora svolta. Noi lo abbiamo sempre ripetuto e questa sera abbiamo avuto la conferma delle diatribe, delle incomprensioni, delle assenze, delle non condivisioni, delle prese di distanze che purtroppo non riguardano solo l'assessore Giordano.
Una amministrazione a cui la minoranza ha rinunciato a partecipare con giuste e documentate motivazioni è già un fatto grave, più grave è quando i mugugni le assenze coinvolgono anche esponenti della stessa maggioranza.
I Consigli Comunali di questo strano "PATTO" sono stati sempre monchi, senza partecipazione e senza dibattito. Non c'è democrazia in una qualsiasi assise quando si verificano di queste cose. Le minoranze consiliari da questi signori sono state sempre volutamente osteggiate, derise e ignorate. Non abbiamo avuto mai l'onore di una risposta alle numerose interpellanze o interrogazioni che abbiamo presentato, nonostante l'obbligo di Legge, mai una discussione quando chiedevamo di portare gli argomenti in Consiglio e siamo stati addirittura ostacolati pure nel chiedere gli Atti utili per il nostro ruolo di controllo che sempre la Legge ci assegna, tant'è che più di una volta ci siamo dovuti rivolgere al Signor Prefetto.
Siamo stati continuamente derisi proprio dal sindaco, che, di fronte a problematiche gravissime che noi abbiamo portato all'attenzione dell'opinione pubblica, invece di attivarsi, ha sdrammatizzato, ridendo e facendo infelici battute poco consone al ruolo ricoperto e al rispetto dell'Istituzione che si rappresenta.
Il suo comprensibile, scontato, deludente risultato elettorale alle ultime regionali ha ulteriormente aggravato il dibattito politico, se di politica possiamo parlare, tant'è che più di qualche cittadino è stato oggetto di spropositi gratuiti e del tutto fuori luogo, non degni di chi ha l'onere e l'onore di rappresentare con rettitudine la comunità. Per carità, tutti possiamo sbagliare, ma perseverare in un atteggiamento arrogante e di sfida è veramente diabolico.
In questa legislatura né abbiamo veramente visto di tutti i colori, tanti avvenimenti, alcuni molto gravi che si sono succeduti a Santa Croce. Vogliamo sperare che quanto prima il nostro paese torni ad essere quel laboratorio politico di confronto leale e rispettoso dei ruoli così come è sempre stato. Santa Croce deve assolutamente riprendersi il suo posto e la sua giusta collocazione nella graduatoria regionale tornando ad essere un Comune protagonista, presente, attivo e rivendicativo degli interessi sovrani dei suoi cittadini.
Il malessere e il disappunto dell'assessore Giordano è anche nostro e della maggioranza dei cittadini di Santa Croce che hanno toccato con mano il taglio dei servizi, la scarsa manutenzione e il peggiorare delle condizioni generali del paese tutto. Il nostro disinteressato impegno fino all'ultimo andrà solo in questa direzione.

I Consiglieri minoranza Martino e Gianfelice.

 

******************

 

Meglio tardi che mai

La nota dell'assessore Giordano, rende pubblico ed ufficiale quanto, in realtà, ufficiosamente, noto da anni.
Ci testimonia, ancora una volta, come non esista una guida"politica" dell' ente, bensì, le decisioni, prese "tecnicamente" fuori dalla giunta, vengano lì, semplicemente ratificate.
Ufficiosamente, quanto giustamente e forse, mi permetto di aggiungere, tardivamente, lamentato dall' assessore Giordano, è stato più volte oggetto di CRITICA sottolineatura anche da parte della componente PD.
Anche questa componente, più volte, a questo punto non so più dire quanto consapevolmente, ha lasciato trapelare l' intento di togliere il proprio sostegno all'azione amministrativa.
Se non ai consiglieri di minoranza, quanto meno al proprio elettorato, qualche chiarimento, anche in quel caso, sarebbe politicamente opportuno.

Antonio Martino
consigliere comunale di opposizione

 


 


 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer - privacy