Santa Croce di Magliano, mercoledì 08 gennaio 2020

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

befane pizzicate << 1/15 gennaio << 2020 << home

 

 

 

iniziativa


Le "befane pizzicate" di Maria Martino chiudono le feste natalizie a Santa Croce di Magliano


 

Santa Croce di Magliano, 06/01/2020
"Improvvisare, la parola adatta a noi! Siamo scese in piazza improvvisando, lasciandoci andare alla passione e alla tradizione di queste musiche coinvolgenti! Basta un tamburello, una fisarmonica, un gruppo e si balla, la vita diventa più bella e i paesi come nostri più ricchi...
Nonostante il freddo, nonostante i chili messi, noi abbiamo dato il meglio di noi..!
Sono fiera di voi, un gruppo di guerriere al mio fianco, siete fantastiche !
Avanti così pizzichelle e pizzicate!
Grazie Santa Croce che siete stati con noi!"

Maria Martino
La Pizzicata

locandina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EPIFANIA: L'IMPEGNO DEI VIGILI DEL FUOCO E DELLA CROCE ROSSA

Delirio in piazza Monumento a Termoli, arriva la “vecchia con la scopa”. Incredibile entusiasmo dei piccoli per la discesa con l’autoscala

Una piazza Monumento gremita a dire poco, davvero presa d’assalto per la festa della Befana. Oltre al Christmas Village, stand della Misericordia, dei Lions Tifernus e i mezzi dei Vigili del fuoco, la mitica e sempre imponente autoscala che rappresenta un ‘gigante’ d’acciaio per i più piccoli. Sono riusciti anche a sbloccare una situazione delicata, con l’autoscala bizzosa. Alle 12 e dintorni, quasi con puntualità svizzera, arriva accompagnata dalle sirene dei pompieri la vecchina più amata dai bambini, che col fiato sospeso, assieme ai genitori, hanno seguito l’evoluzione della Befana, scesa proprio con l’autoscala dall’altezza di diversi metri, imbracata su una finestra dell’edificio scolastico Principe di Piemonte.

Una discesa mozzafiato, con acrobazie, fino a quando non ha lanciato le agognate caramelle ai piccoli che colmavano quella parte di piazza. Un momento di divertimento e aggregazione, che ha saputo rinnovare una tradizione gioiosa, che quest’anno è stata baciata da sole e da un lungo fine settimana, l’ultimo delle festività invernali. Numerosi gli esponenti dell’amministrazione comunale che hanno reso omaggio con la loro presenza allo sforzo organizzativo dei Vigili del fuoco, doppiato anche a Santa Croce di Magliano, Campobasso e in altri luoghi della regione. C’erano il sindaco Francesco Roberti, quasi l’intera giunta e alcuni consiglieri comunali, oltre allo staff del primo cittadino e alla struttura dell’assessorato alla Cultura. Alla fine pioggia di selfie e foto di gruppo.

fonte: primopianomolise.it


Befana meno amara grazie alla Croce Rossa: calze, regali e cibo
Ore 10 di lunedì 6 gennaio 2020: mentre la maggior parte dei bambini è sveglia da un po’, intenta a mangiare i dolciumi trovati all’interno della calza per l’Epifania, fuori dalla porta della Croce Rossa Femminile in Piazza Olimpia a Termoli, numerose famiglie attendono in fila il loro turno. Oggi, infatti, non è solo la ‘Befana’ che “tutte le feste porta via”: per molti termolesi (e non) è solo un altro difficile giorno in cui bisogna sbarcare il lunario, nella speranza dei poter riempire piatti, colmi poco meno della metà, e dare speranza – e un futuro più roseo – ai propri figli.

Sono millecinquecento, persona più persona meno, i fruitori che, giornalmente, si recano alla Croce Rossa con le tasche vuote e i cuori pieni di sogni, per ricevere la loro busta: pasta, legumi, sugo, qualche dolcetto o poco più. Prodotti base, che si trovano nella dispensa di molte famiglie, che per qualcuno rappresentano tutto. Non solo un pasto che riempie lo stomaco, ma il sogno che, un giorno o l’altro, quel piatto di pasta possa raddoppiare, triplicare perfino, fino a diventare parte di un menu completo. Dolcetto e caffè compreso.

In fila ci sono impiegati che hanno perso il lavoro, imprenditori la cui azienda è fallita, madri single che arrancano per arrivare a fine mese collezionando pochi spicci con lavori saltuari, l’operaio licenziato, chi fa fatica ad integrarsi in una società retrograda e chi non riesce a trovare lavoro perché ‘non raccomandato’. L’esercito dei nuovi ‘poveri’ – ma non nello spirito – ha la faccia della gente comune, di persone ‘della porta accanto’, di coloro che incontri per strada e che mai penseresti possano essere ‘bisognosi’ di un piatto caldo ma non solo.

Perché purtroppo sono tanti, troppi, coloro che si rivolgono agli uffici termolesi perché impossibilitati a pagare le bollette, a ricaricare il bombolone del riscaldamento o a pagare il ticket per la visita medica del proprio figlio: “Spesso ci autotassiamo per aiutare chi ne ha bisogno” conferma la responsabile dell’area 2 della Croce Rossa Femminile Anna Lucia Presutti.

Termoli, Larino, Montenero di Bisaccia, Santa Croce di Magliano, Lucito, Palata: sono queste le provenienze degli assistiti della Croce Rossa termolese. Italiani ma anche stranieri. Tutti insieme in attesa che le porte si aprano, senza distinzione di sesso, età o credo religioso. Famiglie, per la maggior parte, ma anche anziani. A dimostrazione del fatto che qui non si rivolgono solo ‘sbandati’ o reietti della società, ma persone che non rinunciano alla loro dignità, neppure quando chiedono aiuto. E questa mattina, per l’Epifania, lo hanno dimostrato: accompagnati dai loro figli o nipoti, decine di famiglie hanno pazientemente aspettato di entrare nella sede dei volontari per rendere la Befana meno amara.

Ad attenderli, con un sorriso così caloroso da riscaldare cuore ed anima, le volontarie della Croce Rossa Femminile e centinaia di doni, concessi da cittadini ed attività: calze della Befana ripiene di cioccolati, biscotti, pasta, legumi e giochi arrivati qui grazie al grande cuore umano. “Melillo ha regalato i mostaccioli, mentre Verì, Decò, Gran Risparmio, Lo Scrigno hanno donato cibo e biscotti”, conferma la responsabile. C’è chi ha scelto una bicicletta, chi un peluche, chi la calza: ognuno di loro è uscito con le mani piene ed il cuore un po’ più leggero.

In quelle stanze, troppo poche e troppo piccole per accogliere tutto, c’è molto di più. Vestiti, scarpe, libri, generi per la cura del corpo per adulti e bambini. Cinque camere, un ingresso e 45 volontari per aiutare millecinquecento persone a vivere: “In passato erano molte di più – fa sapere Presutti – Con il reddito di cittadinanza alcune famiglie non vengono più qui, ma quanto durerà? Il fondo, prima o poi, terminerà”. Proprio questa paura, unita all’incertezza lavorativa, spinge le volontarie a fare un appello alla comunità: “Donate agli altri, che siano beni materiali o, ancora più prezioso, il vostro tempo. Abbiamo bisogno di persone che ci diano una mano. Vi promettiamo che sarete ben ricompensati dai sorrisi e dall’affetto che incontrerete tra queste pareti”.

fonte: primonumero.it

 

 


 


 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer - privacy