Santa Croce di Magliano, domenica 06 settembre 2020

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

lettera << 1/15 settembre << 2020 << home

 

 

 

riceviamo e pubblichiamo


Lettera aperta al Sindaco di Santa Croce di Magliano dai Consiglieri Antonio Pilla e Angelo Mascia


 

 

Al Sindaco del Comune di

Santa Croce di Magliano

Oggetto: Lettera aperta al Sindaco di Santa Croce di Magliano;

Caro Sindaco,

qualche giorno fa ti abbiamo scritto una lettera, l’abbiamo protocollata e tu hai ritenuto opportuno replicare in diretta streaming durante il Consiglio Comunale del 24 agosto 2020, portando in pubblica piazza una legittima discussione che dura da mesi nella nostra maggioranza politica.

Proprio perché tu per primo hai portato a livello pubblico un disagio di cui ti abbiamo messo al corrente più e più volte, senza peraltro rispondere nulla nel merito, rispondiamo con una lettera pubblica ai tuoi attacchi infondati e personali affinché tutti i cittadini, soprattutto i nostri elettori, sappiano cosa sta succedendo in Comune.

Primo, ci hai accusato di farci scrivere la nota, ci dispiace per te ma non puoi negare che è farina del nostro sacco, in quanto sono mesi che ti stiamo dicendo, anche in presenza di altri Consiglieri, che ci sono atti adottati poco chiari. Ti conosciamo bene, chi non si allinea al tuo modo di fare, chi ti contraddice, chi non accetta le tue scelte, diventa un nemico da calunniare, denigrare e allontanare, proprio come hai fatto con noi e non può essere secondo te né in grado né all’altezza di scrivere con chiarezza e trasparenza dei fatti già in precedenza evidenziati e non solo da noi. Strano modo di giudicare quei Consiglieri che hanno provato in tutti i modi di farti comprendere le mancanze tue e della nostra Amministrazione, ma non importa, continueremo comunque il nostro lavoro di Consiglieri Comunali con la massima tranquillità e pronti a sostenerti, oppure, con criticità se ci sarà bisogno.

Probabilmente anche questa volta ti barricherai dietro un “non ricordo”, come fai spesso, ma ti ricordiamo che in più di un’occasione ti abbiamo fatto notare con argomentazioni e prove, gli errori, le dimenticanze e i problemi (per usare un eufemismo) del nostro Comune, nonché, soprattutto, la gravissima situazione finanziaria dell’Ente, certificata anche dalla relazione della dottoressa E. Colarelli, protocollata il 18/05/2020 e non ancora definitiva (DELLA QUALE SEMBRA ESSERSENE DIMENTICATI ).

Crediamo nella collaborazione e nello spirito critico e pensiamo che questi siano valori importanti nella dialettica politica, valori che dovrebbero “premiare” chi li mette al servizio di tutti, non certo con lodi di cui nessuno è alla ricerca, ma con l’adozione di immediate azioni correttive che ti abbiamo ripetutamente suggerito ed avrebbero evitato tutti questi grossolani errori, che con l’ultima nota protocollata abbiamo evidenziato.

Secondo, il Consiglio Comunale per l’approvazione del Rendiconto 2019 è stato fatto senza che il Revisore dei Conti abbia espresso il suo parere nei termini di legge, 8 giorni dalla data della richiesta, come da Regolamento di Contabilità Comunale, e senza che i Consiglieri avessero gli ulteriori 20 giorni necessari per prenderne visione unitamente agli altri atti. È tutto qui, questo dice la legge. Ti abbiamo fatto notare che non è affatto la prima volta che ciò accade e ti abbiamo ricordato quanto già accaduto al Consiglio Comunale del 3 giugno (approvazione del Bilancio di Previsione), alcuni dei necessari pareri del Revisore sono stati protocollati il 4 giugno, il giorno successivo al Consiglio.

Ma, come potrà capire ogni elettore di Santa Croce, ti abbiamo scritto ciò che abbiamo sempre detto, alcuni errori procedurali della struttura incidono in modo significativo sulla vita politica della nostra Amministrazione e non possiamo, né dobbiamo accettarli, né tacerli, se poi diventano la regola.

Del resto, come ben sanno tutti i componenti di questa maggioranza politica è proprio perché ti abbiamo evidenziato questi errori e non siamo mai tornati indietro, e tu, avendone coscienza, hai indotto alle dimissioni il tuo Vicesindaco, hai preferito allontanare e sacrificare i tuoi Amministratori per difendere a spada tratta chi ti faceva e ti fa sbagliare.

Replicare, come hai fatto, che i pareri sono arrivati la sera del Consiglio del 3 giugno e che è stato protocollato il giorno dopo non serve a niente:

1) Fa fede il numero e la data di protocollo e qualunque cittadino che ha avuto a che fare con la Pubblica Amministrazione lo sa;

2) Hai detto testualmente al Consiglio Comunale del 24 agosto 2020 che i pareri del Revisore sono arrivati la sera del Consiglio del 3 giugno 2020 e non c’era nessuno per protocollarli. Considerando l’importanza dell’atto e di cosa stavamo per approvare non ci è stato comunicato niente, per scoprire che il giorno dopo veniva protocollato tutto ma non ci veniva trasmesso. Strano, invece con il primo Consiglio del Rendiconto, quello del 06/08/2020 , come ti abbiamo volutamente fatto notare, che al giorno 3 agosto 2020 ( lunedì) non ancora arrivava il Parere del Revisore, dopo qualche ora ,appena arrivato, è stato protocollato (e non entriamo nel merito del Parere ) e immediatamente trasmesso ai Consiglieri,( per la cronaca anche il 3 giugno era un giorno da non rientro al Comune) ma tutto quello sopracitato non è stato fatto. Perché due pesi e due misure? non ha importanza, sicuramente nessuno si accorgeva del problema, chi l’avrebbe notato? Dimenticavo se ci accusi che ci facciamo scrivere le lettere, ci accuserai anche di non sapere leggere?

Inoltre, ti facciamo notare, caro Sindaco, che ad oggi abbiamo 2 delibere distinte di approvazione del medesimo Rendiconto e probabilmente è l’unico caso in Italia, la prima, approvata il 6 agosto e la seconda il 24 agosto. Forse anche altri Consiglieri, oltre noi, hanno constatato qualche anomalia, tipo che la seconda delibera non annulla la precedente e che quindi, abbiamo due delibere valide. Quale delle due delibere è quella giusta?

Insomma, questo Rendiconto quando è stato approvato, il 6 o il 24 agosto?

E alla Prefettura, alla Corte dei Conti quale delibera abbiamo mandato?

A questo punto la domanda sorge spontanea, la delibera di approvazione del Bilancio di Previsione del Consiglio Comunale del 03/06/2020 e’ corretta? O si pensa di fare una rinnovazione anche di quella?

Ma perché questa Amministrazione si deve comportare in questo modo?

Infine, hai detto che ci denunci!

Va bene, ma perché? Quand’anche avessimo detto il falso e non è così, come tu ben sai, è un reato raccontare questa vicenda ampiamente documentata?

È un reato che due Consiglieri esprimano a voce e per iscritto cosa pensano?

È un reato far notare gli errori che possono travolgere l’Amministrazione?

Beh! se è un reato, non ti scomodare. Caro Sindaco, ci siamo già denunciati da soli visto che per nostra integrità intellettuale abbiamo interessato S.E. il Prefetto e interesseremo anche l’Agenzia per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali, la Corte dei Conti, l’Anac, la Procura della Repubblica e tutti quanti avranno interesse a comprendere cosa sta veramente accadendo nel Comune di Santa Croce di Magliano.

Un caro saluto.

I Consiglieri

Antonio Pilla

Angelo Mascia

 


 


 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer - privacy