Santa Croce di Magliano, mercoledì 22 dicembre 2021

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

ricordo << 16/31 dicembre << 2021 << home

 

 

 

.il ricordo


Ciao Franco.


 

Ciao Franco, il ricordo degli amici.

Franco il barbiere, il coiffeur di Corso Umberto, l'amico del caffè al Bar Marconi, l'amico dell'aperitivo al Bar Fusco, l'amico immancabile al banchetto nel giorno di festa.

Ma soprattutto l'amico simpatico, brioso e altruista su cui poter sempre contare...

Franco per tutti noi era Cico,

e Cico brindava ogni giorno alla vita.

Mancherà ai suoi familiari, ai suoi clienti, a quanti lo hanno conosciuto.



Ciao Franco, il ricordo di Pasquale Licursi

Quando chiude un barbiere, almeno qui da noi, è come se chiudesse una chiesa.
Non è una semplice insegna che si spegne, ma un circolo cittadino, un posto vero dove anche gli odori vengono poi a mancare, e si spegne la luce all'improvviso.
Perché, tutto sommato, dal barbiere non va solo chi deve aggiustare il capello o fare la barba. Ci vai anche e soprattutto per sapere quello che è successo.
In fondo è davvero il giornale locale che chiude. Con tutto quello che un giornale rappresenta. E poi dopo il taglio, il caffè al bar, è dovuto. Ti chiedi come faccia a sapere tutto quello che accade, le leggende, i segreti. Tutto proprio. Eppure lui sa.
Nel senso che è il mondo che va da lui e mai il contrario. Quasi un prete al confessionale.
La gente si fida del barbiere perché lui lavora con l'acqua, con le schiume e coi prodotti che puliscono.
Appunto, una chiesa vera e propria e senza possibilità di smentita.
Francó era la piazza in qualche modo.
Sul corso si scherzava e si rideva e sembrava non dovesse finire mai.
Dalla Francia (la città di Rimbaud) al Molise e una vita da raccontare.
Con le parole che si perdevano dentro una barzelletta e col sottofondo dei Gipsy Kings.
Addosso aveva sempre quell' odore di Proraso e la catenina al collo, quasi sempre in camicia sbottonata, a sfidare le stagioni.
Francó, insomma.
C'è un vuoto adesso dietro la vetrina chiusa però si sente ancora quella piccola risata che non dimenticheremo mai.
Gli volevamo bene.
E poi l'ho visto sempre ridere anche in questi giorni che motivi non ne aveva. O forse fingeva, ma nessuno lo saprà mai. Chiude per sempre Francó il Barbiere, il francese, e con lui chiude una piccola storia che regala un paese. Chiude ma se ne aprono altre infinite che resteranno in questi anni.
Tra un rasoio e una canzone.
Adieu, Francó.

Pasquale Licursi

 


 


 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer - privacy