Pagina pubblicata su www.santacroceonline.com

Riti popolari - la "Quarantana" 


 

USANZE DI QUARESIMA

La "Quarantana" a Santa Croce, una tradizione che resiste alla modernità. 
Bambole penzolanti e patate impennacchiate...
 

Una tradizione particolare di Santa Croce di Magliano in tempo di Quaresima è la "QUARANTANA"
Trattasi di una "pupattola" appesa ai balconi (originariamente fatta di stracci) alla quale viene attaccata una patata infilzata da sette penne con lo scopo di scandire il tempo che manca al giorno di Pasqua: ogni domenica di quaresima viene tolta una penna.
Una tradizione che ha rischiato di scomparire ma che negli ultimi anni ha ritrovato vigore grazie alle foto pubblicate su SantaCroceOnLine e grazie all'impegno di associazioni come la Pro Loco Quattro Torri che ha dato nuovo vigore al rito, con l'organizzazione di stage nelle scuole, mostre e convegni.


le foto della quarantana su SantaCroceOnLine

 

quarantane 2002    quarantane 2003

quarantane 2004    quarantane 2005

quarantane 2006    quarantane 2007

quarantane 2008    quarantane 2009

quarantane 2010    quarantane 2011

quarantane 2012    quarantane 2013

quarantane 2014    quarantane 2015

quarantane 2016    quarantane 2017

quarantane 2016    quarantane 2017

quarantane 2018    quarantane 2019

quarantana 2020

 

PROGETTO: TRA NUVOLE E BALCONI

2016 - La Quarantana di Santa Croce di Magliano in Abruzzo

2017 - La Quarantana di Santa Croce di Magliano in Calabria

2018 - Il Molie partecipa alla Rete Nazionale delle bambole Quaresima

2019 - Tradizionali bambole quaresimali oggetto di un convegno nazionale in Puglia


 

UNA delle più bizzarre e singolari tradizioni che la comunità di Santa Croce di Magliano detiene, è la cosiddetta "Quarantana", una bambola di pezza raffigurante una vecchia, che l'usanza vuole, durante il periodo della Quaresima, venga sospesa ad un filo annodato tra due balconi.
La simpatica nonnina, che la leggenda vuole sia identificata con la moglie del defunto Carnevale, è generalmente vestita di nero, e nelle mani stringe la conocchia: passa le intere giornate a filare, per distrarsi e non immalinconirsi troppo, pensando al caro congiunto passato a miglior vita.
All'estremità della bamboletta, fatta di stracci e di stoffa usurata, è legata una vistosa patata in cui vengono conficcate sette penne, che tolte una ad una, ogni Domenica di Quaresima, segnano l'arrivo della Pasqua. 
Non si sa, bene l'origine di questo eccentrico emblema "della tradizione popolare di Santa Croce di Magliano e per scoprire qualcosa a proposito, non giova nemmeno sapere, che esistono, in diverse località meridionali - soprattutto sulla costa salentina e nell'entroterra lucano e calabrese - manifestazioni di cerimoniali analoghi.
Sebbene di questa antica tradizione popolare, purtroppo, rimangano soltanto tracce orali nei ricordi degli anziani che lasciano presupporre un'origine legata ai riti cristiani di digiuno e di penitenza, osservati in occasioni della Quaresima, dopo i bagordi di Carnevale, si può forse ipotizzare che anche questa eccentrica liturgia, possa essere ricondotta a tradizioni che affondano negli antichi baccanali - papà del moderno Carnevale e nelle rappresentazioni teatrali delle Atellane, quando "carnevale morto" veniva portato in giro per il paese su di un carro oppure, in qualche modo, alcune tracce riconducono ai riti dei "Saturnali", i giorni in cui a Roma si capovolgevano gli ordini sociali e anche gli schiavi potevano dire a tutti, ciò che pensavano.
Una tradizione, quella della Quarantana che seppur affievolita, a Santa Croce di Magliano, resiste ancora e non manca di attirare l'attenzione dei viandanti dei paesi limitrofi che s'inoltrano soprattutto nei quartieri più antichi del centro bassomolisano.

Salvatore Celeste da Oggi Nuovo Molise

quarantana_zio_pietro2.jpg (90830 byte)   quarantana_zio_pietro.jpg (174766 byte)   <<   QUI A LATO UN DISEGNO E UN DIPINTO DI PIETRO MASTRANGELO

 


Per sapere maggiori informazioni sulla tradizione vi proponiamo un articolo scritto da Pietro Mastrangelo ( Dal messaggero: anno 1956 ).
Il celebre artista santacrocese, che già allora lamentava una certa negligenza a rispettare la tradizione, illustra quelle che sono le origini e i particolari della "Quarantana"...

"A S. Croce vive - sebbene a mala pena - ancora l'usanza della "Quarantana che, purtroppo, sta per scomparire a grandi passi. Sino ad una ventina di anni fa l'usanza andava ancora in voga, tant'è che il forestiero che si trovava nel nostro paese in tempo di Quaresima, veniva attratto, incuriosito da questa "Quarantana": cioè da queste "pupazze" che pendevano da una funicella o da un fil di ferro, i cui capi stavano legati da un balcone all'altro più o meno dirimpettai. 
Di queste "bambole penzolanti" (al contrario di adesso) dapprima il paese ne era pieno, poiché, ogni strada, ogni vicolo, ne aveva tre, quattro, e anche cinque. Se ne vedevano di tutte le foggie: grottesche, buffe, grasse, snelle, brutte e belle. Ma ciò che incuriosiva maggiormente l'estraneo, erano delle penne di gallina piantate a modo di raggiera in una grossa patata penzolante. 
La "Quarantana" è fatta di stracci o di residui di stoffe, dalle nostre stesse donne, che sono le più attaccate a questa tipica tradizione. Essa appare nei primi albori del giorno delle Ceneri per scomparire poi, nel giorno di Sabato Santo e resta per tutta la durata della Quaresima, donde il suo nome di "Quarantana". 
La leggenda vuole che si tratti della moglie di "Carnevale" - defunto - perciò è vestita di nero, ed ha in mano la conocchia: durante tutto il giorno non deve far altro che filare per distrarsi dal defunto "marito". 
Filare notte e giorno sotto la sferza dei venti, sotto la pioggia e la neve sino la giorno della sua fine. Le penne della gallina, piantate nella patata, rappresentano le Domeniche e sono sette, e alla fine di ogni settimana, se ne stacca una, e così, fino al giorno della Resurrezione del nostro Signore Gesù Cristo.
"Quarantana" per i vecchi di allora, significava tristezza, preghiera e meditazione al dolore di Gesù crocifisso. Per tutto il periodo della Quaresima, ne carne, ne grassi, ne uova, ne latticini si poteva mangiare. Persino le padelle venivano ripulite con cura per sviare gli odori tentatori delle succulenti pietanze consumate a Carnevale.
Il baccalà, le sarde salate, le aringhe e l'ulivo secco dovevano sostituire di rigore gli altri cibi. La sera, il SS Rosario, doveva sostituire l'allegria fatta di canti e di scherzi per il defunto "Carnevale". Infine, quando le campane cominciavano a suonare a distesa, annuncianti la Resurrezione di Gesù, quando ogni cuore umano è pieno di gioia, finisce, scompare la "Quarantana". 
Togliere l'ultima penna, vuol dire morte. Passata in mano ai ragazzini, questi se la contendono, dando luogo ad un vero e proprio linciaggio per la mal capitata, che il ultimo, si riduce in un mucchietto di piccoli cenci. 
Questo avviene per talune, per tal altre - quelle più fortunate - avviene una cosa più ragionevole e più umana, vengono riposte nel cassettone o nell'armadio per farle riapparire l'anno dopo, più belle che mai (con l'immancabile conocchia col zinale, col grosso e nero fazzoletto sventolante in testa e ... con una bella patata nuova, dai sette.. raggi di lucenti penne nere) da far sempre suscitare di anno in anno, quella certa curiosità, non solo ai forestieri, che vi capitano di vederla, ma anche negli stessi paesani.
Una vecchia usanza dicevamo che si è affievolita, ma non morta ancora del tutto".

articolo.jpg (362132 byte)

 

 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer