Questa pagina è stata aggiornata su www.santacroceonline.com  il 24/05/2001

Attività del passato


Molte attività e tradizioni della popolazione santacrocese vanno scemando, alcune già non esistono più. Il motivo principale è lo spopolamento della campagna che ha cambiato radicalmente la vita, gli usi e i costumi. Di conseguenza il progresso tecnologico ha soppiantato molte figure lavorative generandone altre. 
Un'attività che non esiste più è la raccolta della neve nelle "nevere". In inverno la neve veniva raccolta e custodita in grandi fosse in territori appropriati, quindi veniva pressata ed isolata con canne e foglie. In estate, aperte le nevere, si estraevano blocchi di ghiaccio che venivano tagliati e, trasportati con carri in appositi sacchi, venivano venduti fino ai paesi delle Puglie. 
Anche la raccolta della legna è un'attività che si è quasi persa del tutto; essa era legata a molti lavori. Oltre che servire per il riscaldamento e per la cottura dei cibi, la legna serviva nella produzione della calce nelle "calecare", una forma piramidale scavata nel terreno e rivestita di pietre calcaree. Al centro veniva arsa per tre giorni la legna al fine di calcificare le pietre allestite. 
Anche la produzione del carbone e della carbonella era legata alla bruciatura della legna; molti carbonai santacrocesi producevano un ottimo carbone tanto apprezzato anche nei paesi limitrofi. 
Naturalmente l'attività principale del paese era l'agricoltura e il prodotto principale era il grano. La mietitura veniva fatto a mano.
In passato si effettuava anche la raccolta dei frutti selvatici come i "lampasciune" una specie di cipollini amarognoli, oppure di erbe come la ruca, l'origano, il finocchietto selvatico, la mentuccia. Erbe come la malva era usata a scopo terapeutico per i bronchi e la camomilla come sedativo. 
Un'altra attività che si rivelava fondamentale per la sussistenza di un tempo ormai andato era l'allevamento. Quello di animali di grossa taglia (mucche, pecore...) era solo prerogativa delle famiglie proprietarie di molti terreni, mentre gli animali da cortile come galline, oche e maiali venivano custoditi in casa dove, anche in stanze piccolissime e superaffollate, c'era un posto adibito alla loro custodia: a sturell. 
L'uccisione del maiale, ancora oggi molto in uso, era molto importante e costituiva quasi un rito che coinvolgeva tutta la famiglia poiché la sua carne forniva la risorsa di cibo per tutto l'anno. I ceti più poveri si basavano anche sui frutti del lavoro dell'orto come ceci, fagioli, cicerchie, lenticchie. 
Anche l'artigianato si è visto privare di figure carismatiche. Le donne si occupavano della filatura e della tessitura per la confezione di materassi e della biancheria. Gli uomini confezionavano i funi (i funar) e la cardatura della lana. Un lavoro molto duro era quello del fabbro che, con la pesante incudine, batteva sul ferro rovente modellandolo. Il maniscalco si occupava dei ferri per gli zoccoli dei muli, degli asini, tutti animali che un tempo costituivano l'unico mezzo di trasporto per persone e cose e che ora sono praticamente scomparsi, soppiantati dai mezzi meccanici. Un altro mestiere era il carpentiere che si occupava della costruzione di carretti e calessi. E ancora: l'arrotino di coltelli e forbici; il calzolaio; lo spazzacamino; il banditore, vero e proprio informatore del paese; l'impagliatore di sedie e di damigiane. 
Anche molte attività della casa sono diventate inusuali: il bucato familiare era fatto da tutte le donne della famiglia e veniva usato il sapone fatto in casa grazie ad un miscuglio di grasso di maiale, olio di oliva, cenere di carbone e legna. La preparazione del pane era settimanale o quindicinale e veniva cotto nel forno privato a legna o in quello pubblico a paglia. La confezione del corredo nuziale era un'arte vera e proprio con tutti i pizzi e i merletti ricamati a mano con l'uso del tlare.

 

impagliatore.jpg (14761 byte)
impagliatore

calzolaio.jpg (11563 byte)
calzolaio

funaio.jpg (15334 byte)
funai

fabbro.jpg (9727 byte)
fabbro

carpenteria.jpg (11555 byte)
carpenteria

arrotino.jpg (10912 byte)
arrotino

banditore.jpg (9166 byte)
banditore

calecare.jpg (21729 byte)
"calecare"

carbonai.jpg (11962 byte)
carbonai

trebbiatura.jpg (11501 byte)
mietitura

allevamento.jpg (8895 byte)
allevamento

maiale.jpg (10048 byte)
uccisione del maiale

 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer