Santa Croce di Magliano, lunedì 18 luglio 2011

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

torre magliano << 16/31 luglio << 2011 << home

 

 

 

sport


Torre Magliano, game over | Non sarà inoltrata l’iscrizione
Il presidente Grassi: “Siamo cinque dirigenti e le spese sono troppe”


 

SANTA CROCE DI MAGLIANO. Una fine triste. Diremmo quasi annunciata. Il Torre Magliano non esiste davvero più. Dopo una splendida stagione condotta in serie B, è arrivata l’estate e con essa i problemi che hanno portato a mettere la parola fine ad una realtà che sembrava uno dei fiori all’occhiello del movimento di calcio a cinque della nostra regione.
Il presidente Antonio Grassi spiega la situazione che ha portato alla fine di tutto: “La situazione è che non ci possiamo iscrivere al campionato per problemi economici. Ci sono stati promessi dei soldi dagli enti che non sono arrivati e quindi abbiamo deciso di non proseguire. E’, ormai, ufficiale questa decisione. Siamo in cinque in società e non possiamo contenere tutte queste spese che ancora stiamo pagando. Quest’anno non possiamo mantenere questi ritmi”.
Quanta delusione c’è per non essere riusciti a continuare un discorso che sembrava davvero bello? “La delusione è parecchia. Il Comune ci aveva promesso dei soldi che non sono arrivati. Abbiamo anche aggiustato la palestra e non si è visto nessuno. In quattro anni abbiamo fatto tanti sacrifici. In pochi anni siamo arrivati in B partendo dalla C2. Ed eravamo sempre noi cinque”.
Il pubblico vi ha sempre seguito con tanto entusiasmo. Che aria tira in paese dopo questa notizia? “Il pubblico devo dire che ci è rimasto male. Sono sempre venuti a tifare per noi e non possono credere che noi non ci siamo iscritti. Ci abbiamo messo tutta la buona volontà, ma sono mancati i soldi. Noi ringraziamo le ditte del paese e dei posti limitrofi che ci hanno dato una grossa mano. Quest’anno, con la crisi, le imprese non ci possono più dare una mano. Noi siamo semplici lavoratori e non possiamo andare oltre”.
Il Torre Magliano ripartirà dal basso o scomparirà del tutto? “Per adesso faremo la prima categoria di calcio a 11 con il Torre Magliano. Questa è la seconda squadra di Santa Croce. E’ da qualche anno che c’è questa squadra e noi come società potremo dare una mano, visto che l’impegno e le spese chiaramente diminuiscono. Per il calcio a cinque posso dire che al momento scompare tutto. Faremo a giorni un’altra riunione per capire se continuare con questa disciplina. Purtroppo i problemi ci sono”.
Un’ultima domanda. Può lanciare un messaggio al tecnico Sanginario che è stato uno dei vostri segreti? “L’ho sentito qualche giorno fa e ci è anche venuto a salutare. E’ un ragazzo serio e fino all’ultimo ci ha creduto per continuare nel progetto. Purtroppo non è stato possibile. La stima nei suoi confronti è davvero alta. Sanginario è una persona perbene che ci ha sempre rispettato come abbiamo fatto noi nei suoi confronti”.

 


fonte: Primo Piano Molise - 18/07/2011


 

 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer