Santa Croce di Magliano, martedì 28 maggio 2024

     

    Imposta come pagina iniziale  Aggiungi ai preferiti  Segnala ad un amico  Stampa  Translate in English

comunali << 16/31 maggio << 2024 << home

 

 

 

comunali 2024


Elezioni amministrative a Santa Croce di Magliano: intervista al candidato alla carica di sindaco Enzo Rosati per la lista ‘Santa Croce Civica-Popolare & Progressista’


 

Elezioni amministrative a Santa Croce di Magliano: intervista al candidato alla carica di sindaco Enzo Rosati per la lista ‘Santa Croce Civica-Popolare & Progressista’

di Regina Cosco da nelmolise.it

SANTA CROCE DI MAGLIANO. Continuano le nostre interviste ai candidati alla carica di sindaco in vista delle elezioni in programma il prossimo 8 e 9 giugno. Questa volta abbiamo intervistato Enzo Rosati, a capo della lista ‘Santa Croce Civica-Popolare & Progressista.

Perché ha scelto di candidarsi?

Perché chiamato da tante persone con le quali da tempo avevamo avviato un dialogo per occuparci attivamente del futuro di Santa Croce e per proporre un gruppo affidabile con un programma concreto e innovativo. La mia lunga esperienza politica e amministrativa sia a livello locale (sono stato amministratore dal 1995 al 1999) sia a livello provinciale, dove ho ricoperto per due mandati la carica di assessore alla cultura, allo sport e al sociale, la mia esperienza professionale e il mio spirito di servizio sempre per il bene dei cittadini, credo abbiano determinato la scelta sul mio nome. Da qui abbiamo formato una lista di donne e uomini motivati, coniugando esperienza e novità, impegno e capacità, elementi necessari per amministrare per i prossimi 5 anni, inoltre abbiamo elaborato un programma concreto e realizzabile, scaturito soprattutto dall’ascolto di tanti operatori e cittadini, lo abbiamo ampiamente illustrato la scorsa settimana nell’incontro in piazza e lo abbiamo pubblicato da tempo sui nostri canali social. Tutti noi della lista Santa Croce Civica popolare e progressista viviamo e amiamo la nostra comunità e crediamo che vi siano tutte le possibilità affinché Santa Croce possa rinascere economicamente, culturalmente e socialmente. Eravamo partiti nella convinzione che in questa fase storica fosse necessario unire tutte le migliori risorse per proporre ai cittadini un progetto unitario, io personalmente mi sono impegnato affinché si potesse arrivare ad una sintesi, ma tutto ciò non si è concretizzato, purtroppo permane ancora un diffuso sentimento divisivo, l’esatto opposto dei tempi in cui vi erano coalizioni politiche dove lealmente ho sempre dato il mio contributo costruttivo nella ricerca della massima coesione. Ciò imporrà per chiunque avrà il compito di amministrare uno sforzo ulteriore per realizzare una collaborazione leale e costruttiva fra le varie forze per i prossimi 5 anni, il nostro impegno è totale.

Santa Croce è una comunità che negli ultimi anni ha perso tanti cittadini, cosa pensa sia importante oggi per invertire la marcia?


Non solo Santa Croce si è spopolata, ma l’intero Molise che negli ultimi 20 anni ha perso oltre 30 mila residenti. Oltre al saldo demografico negativo le aree interne registrano una migrazione lenta e inarrestabile. Purtroppo, negli ultimi 5 anni si sono perse opportunità, sia per la pandemia che ha drammaticamente colpito il nostro paese, sia per un eccessiva divisione del gruppo amministrativo. Per frenare questo fenomeno e riportare residenzialità dobbiamo tornare ad essere attrattivi. Occorre mettere in atto politiche chiare ed efficaci, tutto il nostro programma è focalizzato in questa direzione.

Quali sono i punti salienti del suo/vostro programma elettorale?

Il nostro programma elettorale non è solo un impegno verso i cittadini, ma una visione della comunità e del futuro di Santa Croce di Magliano che porta a unire le nostre
esperienze e a progettare le attività da realizzare nei prossimi cinque anni. Santa Croce merita di tornare ad essere una comunità coesa che si interessi del bene comune, un luogo dove tutti i cittadini abbiano la possibilità di esprimersi e di partecipare in maniera attiva al cambiamento, scegliendo una proposta programmatica sensibile e aperta all’ascolto e alle proposte della gente. Proponiamo un programma in 11 punti:

SANTA CROCE VERDE
Istituzione di una CER (Comunità Energetica Rinnovabile) in cui l’energia elettrica sarà prodotta da fonti rinnovabili e condivisa tra produttori e consumatori. La CER sarà un soggetto giuridico che facilita la condivisione di energia pulita. Questa iniziativa mira a contribuire agli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, combattendo i cambiamenti climatici e la povertà energetica. La decarbonizzazione dell’energia è fondamentale per raggiungere gli obiettivi climatici, e la CER favorirà un sistema energetico basato su fonti rinnovabili. Ciò ridurrà i costi energetici del Comune e libererà risorse nel bilancio. Inoltre, saranno valutati positivamente progetti di produzione di energia pulita da parte dei privati, come l’eolico e il fotovoltaico, purché rispettino le norme ambientali e paesaggistiche. L’obiettivo è rendere il paese più accogliente e vivibile, promuovendo il recupero di spazi verdi e la manutenzione di siti come la pineta per eventi culturali. Il servizio di raccolta differenziata sarà ulteriormente migliorato, mediante incontri di sensibilizzazione con i cittadini e gli operatori economici per giungere ad una tariffazione “puntuale” di esso.

SANTA CROCE CULTURA ed EVENTI
Creazione della Fondazione “Santa Croce Cultura”, che avrà nel tempo una autonomia finanziaria e una programmazione innovativa, al fine di coinvolgere concretamente ed in modo trasparente tutti i cittadini ed i soggetti associativi. Lo scopo è quello di rilanciare le attività culturali in un’ottica di partecipazione e innovazione. Prevediamo il recupero di eventi storici come la manifestazione etnica “Madre Terra” con l’ampliamento delle attività promozionali e turistiche ad essa connesse, con la prospettiva di aprirla a scenari culturali nazionali e internazionali. Nella fondazione confluiranno gli immobili del vecchio Comune al fine di consentire la riapertura del Museo di Arte Contemporanea intorno al quale promuovere eventi ed iniziative capaci di portare un turismo rilevante. La biblioteca diventerà centro di servizi culturali e centro studi per l’archivio storico antropologico santacrocese arricchendosi del materiale prodotto in questi anni dalle associazioni e dagli studiosi del settore. Il centro studi sarà fruibile tutto l’anno e ospiterà varie iniziative editoriali. Sarà prevista per la Fondazione una forma di gestione separata dal Comune, con meccanismi di decisione e programmazione democratici e codificati dalle norme vigenti in materia, utilizzando anche le risorse provenienti dall’art Bonus, da altre forme previste dalle leggi e dalle donazioni dei privati. Saranno affiancate nella progettazione e realizzazione di eventi e manifestazioni tutte le associazioni già presenti sul territorio, attraverso la partecipazione ai bandi regionali sulla cultura e la promozione turistica. Prevediamo inoltre il recupero di spazi per la creazione di un polo delle arti (ex mattatoio)
dove confluiranno le iniziative annuali da mettere in campo attraverso l’uso delle risorse comunitarie e del PNRR. Il polo delle arti sarà un catalizzatore di idee e iniziative che renderanno Santa Croce un’attrazione e un punto di riferimento nazionale per la cultura. Intendiamo recuperare il progetto del teatro comunale perché crediamo fortemente nella sua funzione sociale e culturale, nella certezza che esso possa essere elemento cardine per il rilancio culturale e creativo affidando ai professionisti del settore che già lavorano sul nostro territorio la progettazione e l’elaborazione di produzioni teatrali e la creazione di Festival tematici. Vogliamo dare certezza e maggiore fruibilità alla scuola civica di Musica, individuando strutture adeguate, stimolando iniziative che garantiscano la migliore offerta didattica con costi sostenibili ed attività stabili, che si apra anche alle tante professionalità artistiche del territorio in un’ottica di crescita collettiva e innovazione. Prevediamo anche la riqualificazione dell’area dell’ex scuola media da trasformare in un teatro verde all’aperto recuperando e realizzando il progetto già presentato negli anni scorsi.

SANTA CROCE SPORT e GIOVANI
Riapertura dello stadio comunale per renderlo fruibile alle società sportive e ai giovani. Individuazione, mediante nuova regolamentazione da sottoporre al Consiglio Comunale, di forme di gestione partecipata di tutte le strutture sportive presenti per incrementare l’attività sportiva dei ragazzi, con particolare attenzione alle nuove discipline e specialità, e per garantire una migliore manutenzione degli stessi. Sarà proposta dal Consiglio Comunale l’istituzione di un evento ciclistico internazionale in collaborazione con la federazione nazionale e con le istituzioni Regionali; il progetto può dare il giusto rilievo ad una disciplina che vede la presenza di una atleta santacrocese fra i professionisti italiani e può rappresentare una buona vetrina per il nostro territorio. Insieme ai comuni vicini apriremo un dialogo continuo e sinergico affinché sia riaperta la piscina di San Giuliano di Puglia, una struttura fondamentale per tutto il comprensorio.

SANTA CROCE SOLIDALE
Completamento della struttura sociosanitaria denominata “Dopo di noi” attraverso l’accesso a fondi regionali, destinandovi formalmente i locali della ex scuola materna, al fine di garantire sia l’autonomia abitativa alle persone con disabilità prive del supporto familiare, sia l’attivazione di una rete di servizi diurni, nella logica dell’inclusione e della creazione di una “rete dinamica di sostegno” in cui cooperano Comune, servizi sociali, Regione, Scuola, enti e associazioni locali. Ampliamento dell’offerta dei servizi di supporto per i diversamente abili verso altre specialità non ancora attive. Progetti mirati per favorire la socializzazione degli anziani, promuovendo momenti di interscambio esperienziale fra i giovani e gli anziani della nostra comunità e azzerare il divario digitale, favorendo l’accesso ai servizi attraverso la creazione di uno spazio civico dove gli anziani possano incontrarsi e svolgere quotidianamente attività ricreative in ambiente adatto. Maggiore presenza all’interno del “Piano sociale” per condividere e promuovere puntualmente le iniziative a favore di soggetti delle fasce più deboli. Politiche a contrasto della violenza di genere. Intendiamo introdurre azioni volte alla prevenzione e al contrasto di ogni forma di violenza contro le donne, come quella domestica e psicologica attraverso la creazione di un Centro antiviolenza, presidio territoriale fondamentale che garantirà consulenza psicologica e legale, di sostegno, di formazione, di sensibilizzazione e prevenzione. Nell’ambito della rete sociale prevediamo l’attivazione di uno sportello di supporto ai neogenitori. Attiveremo una collaborazione continua con il S.A.I. (sistema di Accoglienza ed Integrazione) presente a Santa Croce, al fine di favorire l’inclusione sociale delle famiglie e l’inserimento lavorativo e scolastico dei figli.

SANTA CROCE SCUOLA
La Scuola sarà l’elemento centrale dell’azione amministrativa. L’impegno è quello di trovare nuove risorse per poter offrire, finalmente, una struttura scolastica definitiva ai ragazzi delle Scuole dell’Infanzia e della Primaria e per sbloccare i lavori previsti. Vogliamo potenziare, in stretta collaborazione ed ascolto attivo con i genitori, i servizi scolastici quali il trasposto e il servizio mensa capace di garantire qualità del cibo. Vogliamo migliorare il servizio di trasporto dai comuni limitrofi verso il Liceo Scientifico, chiedendo l’attivazione di corse specifiche in modo da rendere l’istituto più fruibile ed appetibile agli studenti dei comuni vicini. A tale scopo saranno favoriti e promossi progetti di collaborazione continua tra le due istituzioni Scuola e Comune. Vogliamo una scuola aperta al territorio, per questo ci impegneremo a ridare alle associazioni sportive locali la possibilità di utilizzare gli spazi di pertinenza comunale e scolastica a favore dei ragazzi, mediante una revisione dei regolamenti di utilizzo, favorendo così momenti di socialità e prevenzione delle devianze che possono colpire le nuove generazioni.

SANTA CROCE URBANA
Recupero edilizio degli immobili di proprietà del Comune, creazione di luoghi di coworking da offrire a chi lavora da remoto offrendo servizi digitali adeguati e finalizzati alla crescita di questa forma lavorativa, quale fattore di rilancio dell’economia locale. Questi spazi costituiranno anche un incubatore per chi vuole intraprendere nuove attività. Prevediamo la riqualificazione dell’ex scuola elementare, valutando le possibilità di ristrutturarla e adeguarla alle vigenti norme antisismiche. Essa potrà accogliere sia la scuola dell’Infanzia che la Primaria, permettendo così al centro del paese di rivivere. Visto le sue dimensioni, parte di essa potrà anche essere destinata ad attività socio – culturali rivolte ai giovani e agli anziani. Vogliamo dare piena attuazione al progetto della costruzione della Caserma dei Carabinieri e della Caserma dei Vigili del Fuoco. Prevediamo interventi di manutenzione e miglioramento della viabilità interna e dei servizi nella zona P.I.P. Sarà proposta una riorganizzazione capillare della viabilità urbana e dei trasporti, al fine di migliorare e mettere in sicurezza le varie fermate interne, migliorando i servizi del terminal bus. Pensiamo di dotare il comune di un servizio navetta elettrico, fruibile anche dalla popolazione anziana, da finanziare con progetti specifici previsti dai bandi regionali. Particolare attenzione sarà data alle strade rurali, in seguito ad una capillare ricognizione del loro stato di manutenzione, verranno presentati in Regione i progetti di intervento più urgenti. In sinergia con i comuni vicini chiederemo alla Provincia e alla Regione l’urgente manutenzione e la messa in sicurezza della strada provinciale 148 (c.d. Pessina) che collega tutta l’aera con la costa ed è ormai priva di ogni sicurezza e manutenzione, nonostante ricopra una funzione vitale per l’intera area.

SANTA CROCE ATTIVITÀ PRODUTTIVE e AGRICOLTURA
Il nostro impegno sarà quello di favorire la nascita di una rete a sostegno delle attività produttive, commerciali e PMI attraverso la creazione di un consorzio delle imprese per fornire servizi ai vari settori. Santa Croce è da sempre vocata al commercio, all’artigianato e all’agricoltura. Cercheremo di integrare i settori e supportare le attività nella creazione di un distretto commerciale e artigianale. Favoriremo e supporteremo la nascita di un consorzio di operatori commerciali locali per la creazione del Centro Commerciale Naturale, un luogo urbano all’aperto dove la gente può fare acquisti e trascorrere momenti di convivialità.
Inoltre, favoriremo la partecipazione al Bio-distretto e al GAL per favorire la commercializzazione e la divulgazione dei prodotti tipici santacrocesi. In tal modo favoriremo la nostra tradizione e produzione agroalimentare che vanta prodotti di indiscussa qualità e unicità. Saremo al fianco dei produttori agricoli nella promozione di progetti di filiera delle produzioni locali.
Prevediamo il recupero e la valorizzazione del centro storico mediante la promozione di un turismo “lento” che tuteli il paesaggio e il patrimonio storico-artistico-culturale, partecipando a fiere internazionali per l’ospitalità nei borghi.
Prevediamo una ricognizione puntuale di tutte le attività di vendita nei mercati giornalieri e settimanali, con individuazione di aree e spazi idonei e regolamentati.

SANTA CROCE TRADIZIONE, CULTURA POPOLARE e TURISMO
Intendiamo recuperare e potenziare le tradizioni storiche del nostro Comune e quelle legate all’artigianato, cercando di portarle all’interno di circuiti regionali e nazionali, attraverso la partecipazione ad iniziative istituzionali e non e all’accesso a fondi specifici.
Per far crescere l’economia locale abbiamo intenzione di collegare gli eventi culturali ai circuiti turistici, valorizzando la nostra storia e le nostre radici. Il 2024 è infatti l’anno delle radici italiane, pertanto vogliamo intercettare fondi e opportunità per dar vita a questo tipo di turismo calzante per la nostra realtà.
Per far conoscere meglio il nostro territorio ci impegniamo nella creazione di un’area camper al fine di sviluppare un turismo en plain air, lento, a vocazione naturalistica che ben si integra con i tratturi.
L’area di Melanico è inserita nel registro dei siti rurali storici, per tale motivo bisogna valorizzarla attraverso il recupero definitivo dell’Abbazia di Melanico, delle ex scuole e la creazione di un cammino che percorra i tratturi.

SANTA CROCE SALUTE
Potenziamento dei servizi sociosanitari mediante una capillare ricognizione con la Regione, al fine di incrementare i servizi diagnostici e recuperare quelli depotenziati o disattivati. Vogliamo realizzare un concreto potenziamento della Casa della Salute, che ad oggi rappresenta un presidio imprescindibile e vitale per l’intero territorio. Inoltre, chiederemo che si istituiscano nuovi servizi presso i locali del poliambulatorio, con particolare attenzione alle patologie attinenti la “salute mentale”; solleciteremo l’attivazione di un piccolo ambulatorio veterinario per la cura degli animali domestici nell’ambito del
servizio veterinario regionale.

SANTA CROCE GOVERNANCE e STRUTTURA INTERNA
il Comune ha bisogno di una riorganizzazione della macchina amministrativa. L’attuale organico non è sufficiente per garantire tutti i servizi e gli adempimenti nei tempi richiesti.
Pertanto, è prevedibile effettuare anche nuove assunzioni in tutti i settori per migliorare l’efficienza amministrativa. Inoltre, intendiamo esternalizzare alcuni servizi contabili e fiscali a professionisti locali, per garantire trasparenza ed efficienza. La riscossione dei tributi verrà riorganizzata per ridurre i contenziosi e migliorare la comunicazione con i cittadini. L’obiettivo è anche il risanamento finanziario e la ricerca di finanziamenti per progetti e iniziative. Infine, si impegneranno a semplificare i procedimenti interni per agevolare le iniziative produttive e collaboreremo con le professionalità locali per individuare progetti da finanziare cittadini e delle imprese per realizzare un processo di sburocratizzazione dei procedimenti amministrativi interni, al fine di facilitare ed incentivare le iniziative produttive.

SANTA CROCE RAPPORTI ISTITUZIONALI
Abbiamo la ferma volontà di aprire una collaborazione reale e democratica all’interno del Consiglio Comunale e con tutti i cittadini. In tale ottica sarà proposto al Consiglio Comunale l’aggiornamento di tutti i regolamenti comunali, prevedendo l’istituzione di commissioni consiliari partecipate dalle associazioni, dai giovani, dagli operatori economici e dall’intera comunità per garantire la massima condivisione e trasparenza di obiettivi comuni. Nostra intenzione è quella di riaprire un dialogo istituzionale con i comuni vicini per individuare forme di partecipazione quali l’istituzione dell’Unione dei Comuni, per la gestione consorziata di servizi e per progetti e iniziative volte al rilancio dell’intera area, della quale Santa Croce è punto di riferimento. Il nostro impegno sarà quello di tenere corretti e trasparenti rapporti con le Istituzioni provinciali e Regionali, consapevoli tuttavia di dover restituire il giusto ruolo politico che Santa Croce di Magliano, a pieno titolo, ha sempre avuto negli anni.

 


LISTE CANDIDATE


 

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer - privacy