Questa pagina è stata aggiornata su www.santacroceonline.com

Album fotografico: la torre di Magliano


 

Ad alcuni chilometri da Santa Croce, in contrada Magliano, vi sono i resti di un torrione a forma cilindrica e con la muratura in basso a scarpata.
Essa si trova in cima ad un'altura, è circondata da una fitta vegetazione ed è visibile dalla strada nuova che porta a Rotello.
Le notizie storiche sulla Torre di Magliano sono piuttosto scarne ma si sa che la struttura (probabilmente del XIII secolo) fu eretta per assolvere a compiti di sorveglianza militare e protezione dell'intera zona circostante, un tempo infestata di briganti.
Se poi si scende nel campo delle leggende, un'antica parla di un collegamento di essa al centro cittadino, attraverso una galleria segreta che sfocia nel Quartetto, antico quartiere santacrocese. Sarebbe dovuta servire come via di fuga per la popolazione di S.Croce in caso di pericolo. 
Altre leggende parlano di tesori nascosti nei dintorni della torre.

Neanche il Mons. Tria, nelle sue " Memorie Storiche Civili ed Ecclesiastiche ", ci dice qualcosa di più. Egli parlando di Magliano cita:  "... e una torre , che si trova in buon essere, e questa volgarmente si appella il castello, e torre di Magliano, che confina col Territorio di Montelongo distante dal fiume Tona circa 200 passi e da Santa Croce un miglio".

Una cosa è certa: ad essa, e in generale a tutto il castello di Magliano, dobbiamo la denominazione attuale del nostro paese.

Da sempre la Torre di Magliano è considerata il simbolo di Santa Croce anche se nel corso degli anni si fatto poco per il recupero e la valorizzazione delle rovine. Questo perché i ruderi erano proprietà di privati cittadini.
Ora, forse, siamo ad una svolta. Il nostro Comune ha ottenuto in donazione, dalle legittime proprietarie, tutti i diritti sulla Torre.

ingrandisci

L'atto di donazione

Qui a lato pubblichiamo copia dell'atto del lascito al Comune da parte delle signore Anna Maria e Maria Luisa Fontana.
In data 02/09/2000, la Giunta Comunale ha poi deliberato, votando all'unanimità per alzata di mano, l'accettazione della donazione. Tra le motivazioni si legge: "... la predetta Torre, rappresenta per i cittadini di questo Comune un vero e proprio monumento "storico-culturale", molto noto non solo in Italia, ma anche all'estero, perché riportato nelle varie guide monumentali nazionali..." 
e ancora "... accettare la donazione, al fine di arricchire il patrimonio monumentale storico-culturale del Comune, quale atto dovuto, poiché nel monumento in questione si identificano i SantaCrocesi nel Mondo... "

Alla torre è stata poi dedicata una strada con tanto di targa (vedi foto sotto)

Nel 2007 è stato costruito un sentiero per accedere alla torre dalla strada "pessina".

E c c o   a l c u n e   f o t o   d e l l a   t o r r e 

ingrandisci ingrandisci ingrandisci ingrandisci ingrandisci ingrandisci
la Torre
nel 1999
panoramica
del 1999
particolare
1999
la Torre
nel 1987
un
disegno
la targa
ingrandisci ingrandisci ingrandisci disegnoA.jpg (68540 byte)
panoramica vista dal basso panoramica del 1983 un disegno ieri e oggi
ingrandisci ingrandisci ingrandisci ingrandisci ingrandisci
foto e particolari anno 2004 - la torre ha resistito al terremoto del 2002 (foto G. Di Stefano)
ingrandisci ingrandisci ingrandisci ingrandisci   ingrandisci
tre mix fotografici sentiero anno 2007

CAMPAGNA DI SCAVI ALLA TORRE MAGLIANO

Estate 2007: studi alla Torre Magliano

Scavi alla Torre Magliano - fase due del progetto (luglio 2008)

Maggio 2009: "Ricerche archeologiche 2007/2008 nel castello di Magliano"

Luglio 2009: Zona Magliano, ripartono gli scavi

Gennaio 2010: disponibile il libro

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

Foto concesse da: Enzo Trasmundi, Angela Cicora, Gaetano Di Stefano, Stefano Cicora
Il disegno è tratto dal libro "Memorie Storiche Civili ed Ecclesiastiche" del Mons. Tria
(riproduzione anastatica Lito-Felici Pisa 1975)

 

 



© Copyright www.santacroceonline.com - Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale.   

disclaimer